Guarda l'ultimo video!

London - racconto del mio viaggio con indirizzi craft e non

giovedì, maggio 13, 2010

L’avete voluto voi, quindi, a grande richiesta… vi aspetta un post lunghissimo! Mi spiace… semmai guardate solo le figure e scorrete via veloci verso la fine :D

Eccomi qui dunque a scrivervi e a mostrarvi qualche foto del mio recente viaggetto a Londra, capitale europea che mancava nel mio book fotografico… poichè, sempre frenata dalla lingua (l’inglese, che non ho mai studiato!), era stata da me accantonata per lungo tempo.
Visto che questo non è un blog di viaggi, ma qui sapete bene che si parla soprattutto di decor e diy, cercherò di soffermarmi di più su questi aspetti per non rendervi noioso questo racconto.
Vedere questa metropoli in quattro giorni (escluse le mezze giornate volate via per gli spostamenti) è un’impresa quasi impossibile. Ne occorrerebbero più di cinque solo per visitare i  principali musei (tutti gratis!), ma tant’è il tempo è denaro per cui bisogna ottimizzare e fare delle selezioni. Innanzitutto, come molti, abbiamo scelto un volo Ryanair per risparmiare, ma caspiterina, quanto sono diventati fiscali sui bagagli! Per non parlare dei controlli di sicurezza, gli aeroporti di Londra sono iper attenti e si fanno per questo code interminabili (al ritorno intendo).
Per soggiornare, invece di un hotel di media-bassa categoria, visto che eravamo in cinque, a quasi lo stesso prezzo abbiamo trovato un grazioso appartamento (visto su questo sito). Così ci siamo evitati pure la english breakfast… ma volete mettere pane e marmellata davanti a questo bow-window?!

L1070403
 
L’appartamento si trova in questa deliziosa e chiccosa zona, che è West Kensington,  silenziosissima e a giudicare dalle auto parcheggiate, gli abitanti sono piuttosto benestanti…
 
L1070282
Che poesia vedere gli alberi in fiore che lasciano cadere i loro petali qua e là!
 

L1070281
Come dicevo, a Londra tutti i musei hanno entrata gratuita, quindi bisogna approfittarne! A volte si fanno interminabili code nei musei italiani per vedere mostre temporanee non così ricche come promettono e che non ti regalano certo nulla! Quindi armati di forza, abbiamo visitato i tre musei principali.
Visita veloce al British Museum, veloce perchè i musei di arte  antica non sono la mia passione e soprattutto perchè mi fa stare un po’ male vedere un pezzo di Partenone lì dentro… quando lo vedrei meglio ad Atene… magari “sul” Partenone. Ma gli amanti del genere troveranno molto pane per i loro denti. Mentre per gli altri… la sola struttura dell’edificio merita un giretto: l’architetto Norman Foster  nei fini anni novanta ha realizzato la bellissima cupola in vetro come copertura della Great Court, l’immenso cortile quadrato interno:


L1070307
In una stradina laterale del museo, per le amanti di stamping, segnalo un piccolo negozietto (consigliatomi da Manu) che io ho solo intravisto: BLADE RUBBER STAMPS (qui su qype altre indicazioni stradali).
Del resto per fare acquisti craft con calma è meglio fare un craft tour ;)
Il secondo museo, la National Gallery, con la sua ricca collezione di dipinti, richiede una visita più approfondita: poche ore non bastano di certo per ammirare tutti i meravigliosi capolavori contenuti nel museo. Da non perdere!
Infine visitiamo anche la Tate Modern Gallery (museo d’arte contemporanea) che si trova in un ex centrale termoelettrica ristrutturata, affascinante! Esattamente davanti all’entrata principale della Tate Modern si trova il Millennium Bridge, ponte pedonale in acciaio che attraversa il Tamigi, progettato da Sir Norman Foster (sempre lui, l'archistar che a Londra è come il prezzemolo!)


L1070328
Brrr che vento freddo!!!!  Non riesco a tenere nemmeno la macchina fotografica in mano! Click Click! Di fronte si può ammirare la cupola barocca di Saint Paul:

L1070331

Mentre dall’ultimo piano della Tate si assiste a questo impareggiabile panorama… gocce di pioggia incluse… anche quelle, come il museo, sono gratis!

L1070341

Finita la parentesi musei, che ovviamente sono stati dilazionati in tre giorni distinti (mica siamo dei robot!), passiamo alla città…
La prima mattina a Londra per noi è un venerdì e durante i week-end si svolge il mercatino a Portobello Road, vuoi non farci una capatina??? Scopriamo poi che si trova a sole due fermate della metro e il nome della stazione (e del quartiere) evoca subito… il film con Hugh Grant.

L1070323
 
La strada ha un'atmosfera vivace e multiculturale ed è tutto un brulicare di musica, colori, odori e sapori davvero indescrivibili! Qui anche i musicisti di strada non sono affatto improvvisati…
 
L1070409 L1070286
 
Durante il mercato la strada è affollatissima e si vende un po’ di tutto…
 
L1070290
 
 L1070291
 
… e si trovano tanti negozi eclettici e alternativi.
 
L1070424
 
Con le mie amiche Laura e Giovanna (lasciando gli ometti all’ennesimo museo, il quarto!) ci siamo tornate anche quando non c’era il mercato… per concentrarci di più sui simpatici negozietti di abiti vintage e finto vintage…
 
L1070407b
 
L1070411 
 
Guardate questo negozio di abbigliamento, le cui vetrine (e le pareti interne) sono completamente “rivestite” da macchine da cucire antiche!!! Me ne sarei volentieri portata a casa una!
 
L1070294 
 
L1070296

Il negozio ALL SAINTS in realtà è una catena (c’è persino all’aeroporto, che delusione!) e dopo qualche foto ed un’occhiata ai cartellini degli abiti di questo regno del fashion… siamo scappate a gambe levate.
APPLETREE BOUTIQUE è un negozietto che vi consiglio proprio (c’è anche a Covent Garden) perchè è pieno di oggettini handmade. Vende abiti e accessori coloratissimi e diversi prodotti diy: orecchini e spille fatte con i bottoni di stoffa, pochette multi-tessuto cucite a mano, portafogli click-clack, cerchietti e mollettine… tutto a prezzi modici. Oggetti fatti a mano e in quantità limitata, quindi un posto dove andare per evitare la produzione di massa e sostenere le designer-makers.
Vi segnalo anche CATH KIDSTON, un altro franchising inglese di abbigliamento e stoffe romantiche molto carine.
E poi il negozio GRAHAM AND GREEN, decor e abbigliamento, con tantissime idee e ispirazioni: c’erano dei cuscini e dei copri teiera bellissimi, tutti da copiare.
Entro anche nel negozietto LYNDONS STITCH & BEADS (qui altre indicazioni) una specie di merceria con tantissimi nastri, perline e qualche materiale per lo scrap.

I nostri acquisti, purtroppo, si son ridotti all’osso, per non superare i 10 kg del bagaglio a mano di Ryanair! Ma ci siamo concesse un bel pranzetto tex-mex (molto piccanteee!) in questo delizioso pub che nasconde al suo interno un’atmosfera tropicale.

L1070418
Vi risparmio i monumenti classici (Westminster, Trafalgare square, Tower Bridge, Torre di Londra, Buckingam Palace ecc) che trovate in qualsiasi guida turistica.
Andiamo invece a spasso con ombrello e sciarpa per vedere Covent Garden, che però di sabato è un vero caos… Poi Regent Street e la famosa piazza di Piccadilly, che ahimè è impacchettata.
Arriviamo a Soho passando per Chinatown. Nelle vetrine ruche e volant a più non posso. Chissà se questa moda arriverà anche da noi… Mi sa che mi porto avanti e aggiungo qualche bella ruche al mio guardaroba…
Un italiano all’estero un po’ nostalgico non può non bere un caffè al banco del Bar Italia, un vero tuffo nel (nostro) passato.
Giro l’angolo e mi accorgo che non ho ancora fatto una foto alle cabine telefoniche rosse! Click Click! Ma se qui tutti hanno l’i-phone, che ci faranno con tutte ‘ste cabine?!


L1070315
Londra è piena di parchi, ma seguitemi in questa rilassante passeggiata a St James’s Park (che conduce a Buckingam Palace) dove ci siamo divertiti a fotografare i tanti scoiattoli che vi vivono e che ti vengono incontro in cerca di noccioline… noi però avevamo solo TicTac!

L1070388
 
 L1070399

Piuttosto originali e trendy i negozi di Carnaby street, quartiere alternativo e alla moda, che divenne popolare negli anni '60. Qui, come a Portobello, c’è sempre da imparare e da lasciarsi ispirare… Ad esempio nel negozio IRREGULAR CHOICE  si possono trovare scarpe con passamaneria pom-pom pink, che non devono proprio mancare nel guardaroba di una craft-signorina!!!

L1070320

E mentre penso “quasi quasi mi compro un paio di sandaletti al mercato e li cammuffo così…” vedo pompom in ogni dove, anche sul bordo di un ombrellino! Adorabili!
Sempre a Carnaby c’è il famoso LIBERTY, negozio storico di tessuti (già incontrato alla fiera di Parigi), che ora in un enorme spazio espositivo, vende un po’ di tutto e tutto raffinatissimo e di gran lusso!
Ma intanto mi fisso col naso in su a guardare i dettagli colorati delle case, che contrastano con i loro mattoni scuri:

L1070406

L1070319 
Giusto una capatina veloce agli Old Spitalfields Market e una passeggiata nei dintorni…

Ma ahimè è già ora di tornare a casa!? Big Ben ha detto stop!

L1070370
Le ore passate in giro per la città sotto pioggia e vento gelido, i fish and chips, il vociare dei mercatini, la cucina thai e quella indiana, le papere che sguazzano beate nei parchi, i gastropub, i bow-windows, le aiuole curate sono solo un ricordo! Siamo già sul bus Terravision delle sei della mattina che ci riporta a Stenstead!
Avremmo potuto vedere altre cose, tra cui la zona di Greenwich, il mercatino di Camden Town e l’interno dell’ abbazia di Westminster (trovata chiusa). Ottimo motivo per ritornarci.


Mi avevano consigliato anche questi altri negozi che condivido con chi avrà più tempo di me per soggiornare a Londra:
EMILY CHALMERS – Caravanstyle e SASS & BELLE (21-22 New Row - Covent Garden), per home decor.
Poi sempre Manu mi aveva parlato di PAPERCHASE, cartoleria su 3 piani. Ma c'è anche il regno dei materiali per gli hobby creativi HOBBY CRAFT, che ha il difetto di essere parecchio decentrato. Per le amanti delle perline, invece, c’è BEAD SHOP (21a Tower Street, Covent Garden) e BEADWORKS.

Se avete altri indirizzi interessanti scriveteli nei commenti, così il post sarà di utilità per tutte!
Infine per conoscere tutti gli eventi (spettacoli, concerti ecc.) della capitale britannica non perdetevi la rivista Time Out (in edicola e online).
Ora vi saluto, nella speranza di essere riuscita ad immergervi un po’ nell’atmosfera trendy londinese… so british!

Bye Bye

Ti può interessare anche:

42 commenti

  1. A me hai fatto solo venir voglia di far la valigia!!!! Ahhh, quanti anni... Già, quanti? Vediamo..... ommaronn!! 19 !!!! E pensare che ci andavo tutti gli anni.... Ed allora non c'era nemmeno RyanAir.
    Per fortuna adesso ho un'ottima giustificazione: portare a giro Claudia, così posso tornare in tutti i più bei posti che ho già visto!
    Grazie per il reportage, davvero un gran bel giretto!
    DaniVS

    RispondiElimina
  2. Anch'io da tanto tempo non vado a Londra, mio fratello ha abitato là per diversi anni e ogni estate mi facevo un viaggetto ... che nostalgia :-(
    Grazie per il bellissimo viaggio virtuale.
    Giulia

    RispondiElimina
  3. mamma mia che bei ricordi! 10 anni fa anche io ho fotografato il negozio alice's (in onore di mia sorella che porta questo nome) ero una ragazzina alla sua prima esperienza all'estero sa sola! l'anno dopo sono tornata... poi 9 anni di nostalgia e l'anno scorso io e il mio pancione siamo stati a londra per ben due weekend!!! chissà quando sarà la prossima volta...

    RispondiElimina
  4. Love your blog and these photos are awesome!!

    RispondiElimina
  5. Great blog!!

    LOVE IT <3

    a hug, from Portugal
    IVÂNIA DIAMOND <3

    RispondiElimina
  6. Un bellissimo e molto interessante reportage letto tutto in un fiato!!!
    Davvero ci hai fatto venire una voglia pazzesca di viaggi e vacanze!!!
    Grazie!!!

    Cri&Anna

    RispondiElimina
  7. Bellissimo.. mi ha mostrato alcuni posti di Londra che mi sono persa!! Per quanto riguarda il Partenone.. tranquilla...sta meglio dove è..il Partenone ad Atene non è poi così valorizzato.. meglio la nostra Valle dei Templi!! Grazie per il racconto... spero di riuscire a tornare presto a Londra con i tuoi suggerimenti!

    RispondiElimina
  8. ADORO LONDRA !!! sono stata qualche anno fa', ma anch'io ho dovuto tralasciare qualche meta, così anch'io ho tenuto la mia "lista" per la prossima visita!. Bellissime foto, sopratutto i dettagli dei negozi! A presto, ciao.

    RispondiElimina
  9. Che dire, cara Anna... mi hai fatto venire le bave... i musei (una mia passione!!!), i negozietti che ti sei spulciata, il parco... insomma, vorrei andarci anche iooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  10. Che spettacolo Anna! Il tuo racconto mi ha fatto riaffiorare i ricordi della gita scolastica di ben......tot anni fa (sono taaanti ;-)).Prima o poi ci voglio tornare, intanto sogno guardando le tue bellissime foto :-)

    RispondiElimina
  11. Che bel viaggio!!! Io non sono mai stata a Londra e mi hai fatto proprio venir voglia di partire!

    RispondiElimina
  12. Che bel reportage, grazie mille, ho potuto perdermi in quei posti bellissimi, stando seduta sul mio divano e soprattutto senza salire su un aereo!! Ho una lista lunghissima di posti dove voglio andare appena risolvo questa "piccolissima" fobia di salire su un oggetto volante:-D
    Suggerimenti?

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia! DAvvero bello il tuo viaggio ed il post "condito" con tantissime informazioni. Spero, un giorno, di poter fare anche io un viaggio a Londra! Vedendo le tue foto, merita eccome :)Buon fine settimana, Goga

    RispondiElimina
  14. Cara anna
    ho vissuto per quasi due anni a mezzora da londra (ed ero li un w.e. si e uno no) eppure alcuni posticcini che hai nominato e scovato non li conoscevo, per cui ti ringrazio di CUORE per questo mini fotoreportage perché la prossima volta che ci vado (ora é un pochino piú distante ma una capatina ogni tanto la faccio) di sicuro avró qualcosa di nuovo da scoprire e qualche negozio da sbirciare (e svaligiare possibilmente!!!)
    ps s.james park é il mio preferito in assoluto!!! generalmente parto da casa con il sacchettino di noci e noccioline appositamente per gli scoiattoli, li dentro torno sempre bambina :D

    Un bacio e grazie per le belle foto e le belle sensazioni che trasmettono!

    fede

    ps il vostro apprtamentino sembra davvero bello e la zona é una delle piú belle e chic! ottima scelta!!!

    RispondiElimina
  15. ...ripasserò a leggerti...ma mi sono immersa nelle foto....e immersa in grande invidia.....:))))
    ciao Vania

    RispondiElimina
  16. Con la tua recensione mi verrebbe voglia di partire subito...

    ciao
    Giuliana

    RispondiElimina
  17. Quelle teiere sono un sogno!*.*

    RispondiElimina
  18. A me Londra non piace molto, ma queste immagini mi hanno fatto tornare la voglia di ritornarci!!! Che meraviglia lo scoiattolo! :-)) Un caro saluto, Anita Camilla

    RispondiElimina
  19. taaaanta nostalgia!! tre mesi (in tre riprese) a me non sono bastati a vedere tutto... ed è passato troppo tempo... grazie per il reportage che ho letto tutto parola per parola e per le foto bellissime!!! un baciottoneeee (allunghiamo la lista dei posti dove andare insieme anche alla sister??? ih ih ih)

    RispondiElimina
  20. Ooooh Londra... ah, che ricordi... compreso una persona che ancora non ho capito se era morta o solo svenuta, ma stava stesa sul prato in posizione innaturale, mentre tutto intorno la gente continuava il suo lunch come se niente fosse...
    però ci tornerei volentieri, magari a viverci per qualche anno, diciamo una decina, più o meno...

    RispondiElimina
  21. Sìììììììììì!! Finalmente, che bel racconto e non sono corsa via al fondo per gustarmi solo le foto, ma per un attimo, leggendo il tuo post, mi sono teletrasportata a Portobello Road e ho fatto un po' di shopping...tutto virtuale si spende davvero poco!!
    Bel viaggio Anna!!

    RispondiElimina
  22. Figurati se salto una-sola-riga di un tuo post!
    Letto tutto-tutto! Non mi resta che dirti brava-brava, hai reso tutto perfettamente!
    Peccato tu non abbia visto Camden Market, è stata una delle poche cose che a me son piaciute.
    Forse io ho caricato troppo di aspettative questa città, e visitarla non mi ha lasciato molto...ma felicissima che, per te, sia stato diverso :-)
    Bacione!

    RispondiElimina
  23. si si volevo proprio questo ...che bello ...mi hai fatto venire una voglia!!!!!

    RispondiElimina
  24. Uaoooooooooo che bellissimo racconto e quante foto stuzzicanti!! Non ci sono mai stata a Londra ma di sicuro oggi mi hai fatto viaggiare e che voglia di partire!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  25. racconto bellissimo e alternativo della city....ma devo aspettare che danielina cresca un pò...m'è rimasto il cuore sulle scarpe a carnaby street stanotte me le sogno

    RispondiElimina
  26. Senza muovermi dalla mia sedia ho potuto grazie a te veder posti nuovi ...non posso fare a meno di tenerti come amica !Ti metto nel mio nuovo blog a l primo posto dei preferiti !Grazie BYE BYE Sandra

    RispondiElimina
  27. Ah! God save " Cafe creativo "
    Adoro questi reportage. Anna sei un mito!
    Caravan è un negozio che mi ispira moltissimo!
    GRazie, grazie,grazie.
    Cata

    RispondiElimina
  28. voglia di partire guardando queste immagini 100!possibilita' di farlo ora 0!!uff..quanto mi piacerebbe..ma come dice il proverbio volere e potere quindi mi impegnero' x farlo!!davvero bravaaa..ciau ciau fede

    RispondiElimina
  29. CHE INVIDIA!!!!!!!! e dici lungo???? l'ho letto tutto e anche avrei letto volentieri di più si ci fosse stato!!!! quanto mi piacerebbe andare, io che sono una addicta a negozi, vetrine, mercatine....... mi sembra che questo sia un paradiso!!!! vabbe che i musei anche sono molto interessanti, ma una ha i suoi vizzi!!!
    Un bacio Anna e buon Week-end

    RispondiElimina
  30. Anna che bellissimo giro che ci hai fatto fare!
    Avevo già guardato tutte le foto due giorni fa e questa mattina mi sono presa tutto il tempo necessario per gustarmi anche il tuo racconto e seguire tutti i link! Che lavoro magnifico che hai fatto, che regalo per noi!
    Mi sembra di avervi fatto un "mordi e fuggi" pure io! Che organizzazione! In tre giorni avete davvero fatto la qualsiasi, sembra un Zuzzi-Tour!
    Il freddo non vi ha fermate e sono certa che ci sei tornata piena di ispirazione, di nuove atmosfere, gusti e colori e magari anche con nuovo "sprint"!
    Ti abbraccio e sono davvero felice per voi. Ah, complimenti per le fotografie, sono davvero splendide!
    Cathy

    RispondiElimina
  31. Mi vien da piangere...voglio andare a LONDRAAAAAAA....voglio le teiere, le scarpe....voglio trasferirmi a Portobello Road!

    RispondiElimina
  32. cara tra la meraviglia del reportage, l'invidia... la criosità, sono dovuta tornare due o tre volte, devo dire che i papaveri e i sandali sono le cose che più hanno annodato i miei pensieri. delizioso lo scoiattolino e le finestre rosa, ma... no, forse tutto. fortunella, intraprendente e creativa, ti ammiro sempre più, io che sono una specie di orso paciocco. baci baci

    RispondiElimina
  33. Quanti bei ricordi mi hai fatto tornare. Londra mi piace sempre tantissimo e mi hai fatto fare una bella passeggiata con le tue fotografie.
    Grazie Elena

    RispondiElimina
  34. Bellissimo reportage! Grazie per aver condiviso con noi Anna!
    Bellissime anche le foto :-)
    PS: Quoto la Sister, anch'io ci sono stata tanti anni fa e bisognerebbe che ci riotrnassi magari in vostra compagnia !
    Un beso
    Cri

    RispondiElimina
  35. Anche a me, come a tutte, hai fatto tornare in mente ricordi un po' ingialliti....e anche io vorrei poter fare la valigia e tornare in quei posticini...Per ora devo "accontentarmi" del tuo meraviglioso reportage, e tenermi la voglia...
    Grazie, e complimenti per la scelta dei soggetti immortalati.

    Un sorriso
    tatti

    RispondiElimina
  36. Bellissimooooooooooo! Mi hai fatto venire in mente Pomi d'ottone e manici di scopa, che divertente. Grazie per il viaggetto virtuale.

    RispondiElimina
  37. Grazie per averci portato in viaggio con te!!!

    RispondiElimina
  38. ..avevo 198 anni quando sono scappata di casa ed ho vissuto a Londra un anno..ricordi lontani, durissimi ma fondamentali per la mia vita..hai fatto un bel giretto vedo ma docrai tornarci per Camden Town il top del top soprattutto per la vena creativa che ci distingue..sarà per la prossima volta..tanto ormai londra è dietro l'angolo e la sterlina è accetabile.
    ti ho invidiata un pò..vorrei presto portarci Sveva..
    bacioni
    roberta

    RispondiElimina
  39. Accidenti, che nostalgia. Io a Londra ci ho vissuto per quasi 3 anni, non appena sposata (7 anni fa, oggi). E' la città in cui è nata mia figlia e in cui ho lasciato un pezzettino del mio cuore. Avrei tanta voglia di ritornarci per un viaggetto, anche se temo di non ritrovare la Londra che ho lasciato. Grazie per questo bel racconto di viaggio..

    RispondiElimina
  40. Ciao! Insieme alla mia amica Giulia conduciamo ogni martedì sera alle ore 21.30 un programma webradiofonico su www.wipradio.it che tratta di creatività. Il programma si chiama Musical e Vecchi Merletti, e domani sera parleremo di Londra e vorremmo citare questo tuo post che è perfetto per l'argomento della serata! Naturalmente citeremo anche il tuo blog!
    ancora complimenti e grazie!
    Musical e Vecchi Merletti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giada, che bello una trasmissione alla radio che parla di creatività! Citate pure! ;)

      Elimina

Ciao, grazie per il tuo commento!

Le ultime idee di Café Creativo